lunedì 13 novembre 2017

Il Basket Eravamo Noi

Il basket eravamo noi by Earvin Johnson
My rating: 5 of 5 stars

Questo libro è una sorta di biografia che racconta gli eventi più importanti della carriera, facendoceli vivere dal loro punto di vista, dei due simboli del basket anni 80, ovviamente sto parlando di Larry “The Legend” Bird e di Earvin “Magic” Johnson.

Il libro non si limita a raccontare gli avvenimenti sportivi, ma ci narra anche della loro vita fuori dal campo, ci parla del loro rapporto, della loro rivalità che si è trasformata in amicizia, ecc…

Questo è un libro che ci permette di entrare all’interno delle loro vite, di scoprire retroscena e aneddoti che difficilmente avremmo potuto immaginare. Un libro che è un’enciclopedia del basket degli anni 80, un libro che deve essere letto da tutti gli appassionati del genere.


View all my reviews

mercoledì 8 novembre 2017

Abu Dhabi

Abu Dhabi

Quest'estate, ad Agosto, ho avuto la fortuna di poter visitare, ad un costo relativamente ridotto, gli Emirati Arabi Uniti; così, dopo aver volato da Caselle a Fiumicino io e la mia fidanzata (la reale organizzatrice della vacanza) ci siamo imbarcati su un volo Alitalia che dopo poco più di 5 ore è atterrato all'aeroporto internazionale di Abu Dhabi.

Togliamoci subito alcuni argomenti spinosi.

1.  Sì, ad agosto negli EAU fa molo caldo, ma con qualche piccola accortezza (tipo non stare all'aperto nelle ore più calde, cosa che per altro io ho fatto) ci si può tranquillamente godere una piacevole vacanza.
2.  Sì, ci sono le donne con il burka e gli uomini con la kandura e quindi sì, sono un popolo molto conservatore, ma ci sono anche moltissime indigene con il classico velo o vestite, diciamo, all'occidentale.
3.   Sì, è vietato scambiarsi effusioni in pubblico, anche se non ho ben capito quale fosse il limite consentito.

Per spostarsi ad Abu Dhabi è preferibile utilizzare i taxi perché sono a tutti gli effetti poco costosi, perché gli autobus sono inutilizzabili, perché la metro non esiste e perché negli Emirati tutto è lontanissimo. Tuttavia, però, dovendo utilizzarli praticamente sempre alla fine della vacanza avranno un costo rilevante.

La prima cosa che abbiamo visitato, dopo aver provata per mezza giornata il mare, ma faceva veramente troppo caldo, sia fuori che dentro l'acqua, è stato il grattacielo più pendente del mondo e la Moschea di Abu Dhabi (che consiglio di vedere sia di giorno che di notte) dove se non sarete adeguatamente vestiti vi verranno dati degli abiti tradizionali. Molto interessante è anche il Wahat Al Karama, un monumento vicinissimo alla moschea.

Sicuramente merita fare un salto anche alla "Cornice", la famosa spiaggia di Abu Dhabi ed al Heritage Village, la ricostruzione di un antico villaggio. Meno turistici, ma di assoluto interesse sono anche il souk dei datteri e l'Heritage Center, un museo sulla storia dell'emirato di Abu Dhabi.

Parlando ora dell’Abu Dhabi più moderna non si possono non visitare le Ethiad Towers, con il loro osservatorio  (nel costo per salire è compreso anche un aperitivo) e l'Emirate Palace, uno degli alberghi più lussuosi al mondo (i maschietti si ricordino i pantaloni lunghi, altrimenti vi verrà precluso l'accesso).

Ovviamente se avete tempo merita fare un salto allo Yas Mall, un gigantesco centro commerciale all'interno del quale potrete trovare anche il Ferrari Word.

Per quanto riguarda il cibo ad Abu Dhabi si può mangiare di tutto e di qualsiasi etnia, però personalmente sconsiglio il cibo emiratino che oscilla tra il banale e l'immangiabile.


In conclusione non so se consiglierei Abu Dhabi come meta per un viaggio, ma sicuramente venire in contatto con una cultura così diversa è una bellissima esperienza.

lunedì 30 ottobre 2017

venerdì 14 luglio 2017

Reato di Tortura

Vogliamo richiamare l'attenzione sulla grave contraddizione che potrebbe crearsi tra concreta applicazione del testo normativo e scopo della legge: adempiere agli obblighi derivanti dalle convenzioni internazionali. Le critiche alla legge in discussione, ribadite da ultimo in una lettera indirizzata ai parlamentari dal Commissario per i diritti umani del Consiglio d'Europa, non ci sembrano frutto di dissertazioni astratte né di speculazioni teoriche perché trovano un concreto riscontro nella nostra diretta esperienza di magistrati. È infatti indiscutibile che alcune delle più gravi condotte, accertate nei processi di cui si tratta, siano state realizzate con unica azione mentre il testo in esame alla Camera prevede che per esserci tortura il fatto debba essere commesso "mediante più condotte". E ancora, vi è tortura anche se la persona non è privata della propria libertà, come avvenuto nella Diaz, mentre "la norma impone la necessità di tale circostanza". Come non sarebbe applicabile "una condotta alternativa: l'agire con crudeltà. Si deve riflettere su questo paradosso: una nuova legge, volta a colmare un vuoto normativo in una materia disciplinata da convenzioni internazionali, sarebbe in concreto inapplicabile a fatti analoghi a quelli verificatisi a Genova che sono già stati qualificati come tortura dalla Corte Europea, garante della applicazione di quelle convenzioni. Sarebbe così disattesa anche l'esecuzione delle sentenze di condanna già pronunciate dalla Corte Edu nei confronti dello Stato Italiano
(Francesco Cardona Albini, Giuseppe Diomeda, Daniela Faraggi, Francesco Mazza Galanti, Patrizia Petruzziello,  Francesco Pinto, Vittorio Ranieri Miniati, Roberto Settembre, Salvatore Sinagra, Lucia Vignale ed Enrico Zucca)

venerdì 23 giugno 2017

John Fitzgerald Kennedy

Un uomo fa quello che è suo dovere fare, quali che siano le conseguenze personali, quali che siano gli ostacoli, i pericoli o le pressioni. Questa è la base di tutta la moralità umana. 

giovedì 4 maggio 2017

13 Reasons Why


13 Reasons Why (13 - in Italia) è una perfetta fotografia della società attuale, un insegnamento e forse anche un monito, il tutto inserito in una serie televisiva ben girate e sceneggiata ancora meglio. Ho sentito dire da molti che andrebbe trasmessa nelle scuole, beh, personalmente penso che dovrebbe essere vista anche da molti adulti.