giovedì 31 dicembre 2009

Tre giorni da fattorino

Ebbene si, la neve di questi giorni è anche un po' colpa mia :-D

Infatti in queste giorni pre-natalizi  ho consegnato i fiori per "Fiori e Fiori" il negozio di fiori vicino a piazza Zerbion gestito, in parte, da una amica della mia dolce metà.

Non prendetemi per uno che non ha mai fatto nulla nella sua vita, perché per alcuni anni ho "lavorato" in un cinema, ho "lavorato" in studio con mio padre ed ho fatto il portiere in un albergo. Però da quando ho iniziato l'università, causa esami, non ho più "lavorato".

Il "lavoro" in se è stato molto semplice, sopratutto grazie all'aiuto fornitomi dalle mie cape :-), ma delle note di colore ci sono state.

Infatti ho scoperto che ha Chatillon i numeri civici li mettono a casa (1a da un lato e 1b dall'altra parte della strada, o in sequenza 22-23-24-21), che la frazione di Breil è complicatissima, ci ho messo più di mezzora a trovare la casa. La consegna più complicate è stata quella in via Colle di Joux: dopo un breve tratto a piedi, a causa dell'abbondante neve, ho trovato il civico, ma il cancello era sprangato; allora sono passato da un altro giardino, camminando in mezzo alla neve, fino a trovarmi di fronte la classica casa da film degli orrori. Doppia scalinata, a destra e a sinistra, fino a raggiungere un simil-porticato; finestre tutte sprangate e campanello con il classico "DLIN DLON". Ovviamente, come da film dell'orrore di quart'ordine, la casa era abitata da una signora anziana, che non mi ha aperto la porta, ma ha attirato la mia attenzione bussando ad un vetro delle finestre scostando leggermente le tende. Malgrado i presupposti per finire a pezzi ci fossero tutti, ho consegnato i fiori e salvato la pelle :-D.

Ci sono stati anche moltissimi lati positivi, come le mance, gli aperitivi offerti ed alcune cose divertenti, come un cartello appeso in un condominio che recitava:
L'ultimo che rientra la notte spenga la luce
Per non parlare del fatto di poter curiosare in casa degli altri, lo so, sono una comare zitella ahahahahaha

Un ovvio grazie lo devo fare ai miei capi che mi hanno di molto facilitato il compito

Mi sembra giusti chiudere con una bella marchetta
Se dovete comprare fiori, piante o altre idee regalo, rivolgetevi a Fiori e Fiori in via Roma 30 Saint-Vincent....fidatevi non rimarrete delusi...ottimo servizio, eccezionale confezionamento, splendide merci e, il che non guasta mai, prezzi convenienti

mercoledì 30 dicembre 2009

Il Canestro Del Cuore (1° Edizione)



Grazie ad una brillante idea di un mio compagno di squadra, tale Dario Mazzanti, noi, e quando parlo di NOI mi riferisco agli Atomic Flies Basket, la mia squadra; abbiamo organizzato per martedì 22 dicembre una partita di basket di beneficenza, tra la Chez Drink (serie D) e la Moretti Zero (Serie C), il cui ricavato sarebbe stato devoluto all'Associazione Valdostano pro Infanzia Brasiliana.

Così, ci siamo imbarcati in questa avventura...

Ma come ogni manifestazioni che si rispetti, gli inconvenienti non sono mancati. Uno dei tanti è stato che a poche ore dall'inizio ha cominciato a nevicare, il che ci ha costretto a rimandare l'inizio della manifestazione per mancanza di pubblico (15 minuti prima dell'inizio erano presenti al palazzetto solo 6 persone). Per fortuna col passare dei minuti la gente ha cominciato ad arrivare.

La serata è cominciata con una gara da 3 punti, a cui partecipavano 2 componenti per ogni squadra. Ad iniziare è stato Simone Blanc che ne ha messi 11 su 25, poi è stato il turno di Christopher Scalia che ne ha piazzati 13; mentre i due giocatori della serie C, Liguori e Balliro, ne hanno messi rispettivamente 11 e 12. Quindi si passati alla finale tra Scalia e Balliro, dominata dall'americano con 16 centri, rispetto ai 9 del valdostano.

Finita la gara è cominciato il derby.

Era la prima volta che queste due squadre si affrontavano e malgrado tra le due società non scorresse buon sangue, la partita è stata molto gioiosa e divertente. Inizialmente la "serie D" sembrava poter dominare la gara, ma verrà poi sconfitta 60 a 83. Col passare del tempo la superiorità tecnica della Moretti Zero si è vista, sopratutto grazie al play Lisandro Liguori, che ha messo in scena una vera e propria esibizione di basket. Da applausi alcuni gesti tecnici, come un apertura a tutto campo dietro la schiena o un passaggio sotto le proprie gambe e sotto quelle dell'avversario.

La serata è stata intervallata da alcuni stacchi musicali fatti dal mio amore. Esibizioni molto belle e coinvolgenti. Durante "Senza Logica" (la sua canzone) le due panchine si sono messe ad applaudire a tempo di musica, coinvolgendo il pubblico e  durante "We are the world" le due squadre si sono abbracciate ai lati del campo supportando la "CANTANTE"  durante il ritornello, il che ha reso l'atmosfera ancora più bella.

La serata si è conclusa con la premiazione ed un buffe a base di panettone, paste e spumante.

Sono rimasto molto soddisfatto della serata, tutto è filato per il meglio, e a mio modesto parere è stata una bellissima serate e come ulteriore risultato positivo, malgrado non ci fosse il pienone, abbiamo raccolto circa 1300 euro da devolvere all'AVIB.

Per chiudere voglio ringraziare i miei compagni di avventura: Diego, Gabriel, Tzan, Vale, Ste, Wise, Bonny, Vita ed il presentatore Mazza, ma un ovvio grazie va fatto anche alle due società che hanno reso possibili tutto questo, al Comune di Chatillon, la Comunità Montana, La FIP, l'AVIB, la Living Sport e il Volley di Chatillon e ovviamente alla CANTANTE Annaclara de Cio

giovedì 17 dicembre 2009

ATTENTATO

Sono pronto a scommettere che molti di voi avranno pensato a Beppe Braida sentendo il telegiornale di domenica...

ATTENTATO

La violenza va sempre e comunque condannata, il gesto è stato vile e insulso, ma, non per questo, ora ci si deve uniformare e nascondere. La critica e l'opposizione devono esistere e resistere al tentativo di nascondersi dietro le sottane del nuovo martire italiano. Datemi dell'ipocrita, dell'insensibile, del terrorista, non mi interessa... quello che non sopporto è il teatrino che si sta costruendo intorno a questa vicenda.

E' vero il gesto è da condannare senza appello, ma ora non possono farci passare il puttaniere mafiose di qualche settimana fa, come la vittima sacrificale del clima politico italiano. Basta mostrare quella faccia insanguinata, basta dipingerlo come un miracolato o come un paziente modello. A lui vanno i mie più caldi auguri di pronta guarigione, ma ai miei occhi rimane lo stesso politico che sta rovinando l'Italia. 

Vero è che a tirare le fila del teatrino e sempre quel volto tumefatto che dolorante e sotto shock non ha esitato ad esporre il suo volto, riuscendo dall'auto, dando così il via alla nascita del Presidente Martire, o se preferite Presidente Calimero.

Perché la storiella della vittima regga si deve cercare un cattivo, e quindi, tutti pronti a trasformare un malato di mente, in cura da quando aveva 18 anni, che ha agito in preda alla sua follia in un braccio armato dei contestatori... ma fatemi il piacere. Quello è e resta un gesto di una squilibrato che non ha nulla a che fare con la politica... ma quale clima di odio!!! un folle, in quanto tale, compie un gesto inconsulto ed imprevedibile; non viene plagiato dal No B Day, dal Fatto Quotidiano, da Anno Zero, ecc... nessun oppositore ha mai inneggiato alla violenza, gli unici a parlare di forza e di fucili sono stati i suoi alleati in verde.

Quello che più mi preoccupa è quello che ci aspetta. Trovo aberrante sentir parlare di censura o chiusura di siti internet, di misure per reprimere la contestazione. Temo che sia stata consegnata la c.d. pistola fumante a questo "regime".

Ma quel che è peggio è che si rischia l'ennesima rinascita di Berlusconi, grazia ad un opposizione supina che non è in grado di prendere posizioni forti e che mette a tacere le uniche voci fuori dal coro.

Rischiamo di non vedere la fine di questo incubo

Vorrei chiudere con un messaggio al Ministro Maroni:

"Ministro un disegno di legge o una legge, anche se fatto da altri e non dal lei, se è una porcata, rimane una porcata, quindi non ha senso proporlo e poi giustificarsi dicendo di non averla fatta.
Lei continua a parlare di clima d'odio alimentato dai blogger, da facebook e dall'opposizione ed ha millantato di limitare questo propagarsi su internet di odio nei confronti del presidente. Potrei essere d'accordo con lei, ma allora si occupi anche di tutti quei siti o gruppi che minacciano o infamano i vari Travaglio, Anno Zero, gli Juventini, ecc... Quindi la smetta di strumentalizzare l'accaduto.
Vorrei chiudere, dicendole che l'ho ascoltata ieri a Matrix quando ha detto che sarebbe stato gravissimo se la polizia, avvisata della presenza di un folle che minacciava Berlusconi, non fosse intervenuta; mentre essendo stata avvisata che una folle dava fastidio ai passanti, senza entrare nel merito della persona del Cavaliere, allora aveva fatto bene a non intervenire. SI VERGOGNI, ed ora se vuole mi oscuri pure il blog"

martedì 15 dicembre 2009

Un giorno da Experience



Martedì 8 dicembre ho partecipato al PLUFFER DAY, entrando, per un giorno, a far parte degli Atomic Experience.

Il quadrangolare era organizzato per ricordare lo scomparso Maurizio Coslovich, giocatore del Pont-Donnas, e vi hanno preso parte gli Atomic Experience, i Giurassici, gli Sharq e lo stesso Pont-Donnas. Agli Experience si sono aggiunti alcuni Atomic Original, tra cui io, per completare il roster.




La manifestazione si è svolta alla Sport Haus di Gressoney; una bellissima struttura, non fosse stato per il freddo.

Devo essere sincero nel dire che non pensavo di giocare così tanto, e sono rimasto piacevolmente soddisfatto per i tanti  minuti  che mi hanno visto come protagonista; ed ancora più felice mi hanno reso i vari complimenti ricevuti dai miei compagni di squadra e dal mio vecchio allenatore.

Ovviamente ulteriore felicità me lo ha dato purgare nuovamente i nostri amici/nemici di Ponte. Con le altre due squadre, nettamente superiori, abbiamo fatto del nostro, disputando delle buone partite e facendoci rispettare.

E' sempre bello ed emozionante confrontarsi con giocatori molto più forti e con un curriculum cestistico di grande rispetto, perchè ogni rimbalzo, ogni tiro, ogni passaggio, ogni canestro è un conquista, un successo e motivo di orgoglio personale. Non tutti possono dire di riuscire a stare in campo, dignitosamente, anche contro avversari molto più forti.




Sono rimasto molto soddisfatto della mia prestazione personale; quasi perfetto in difesa, tenendo conto che marcavo avversari molto più alti di me, buona in attacco e nella gestione del gioco. Come se non bastasse sono riuscito a togliermi qualche soddisfazione personale; come stoppare un giocatore di due metri o segnare un canestro rovesciato molto bello.

Mi ha fatto anche molto piacere saldare il rapporto con i "nostri veterani", dimostrando, finalmente, di essere un gruppo unito e non due squadre distinte, e ponendo le basi per un eventuale futuro campionato federale.....anche perché il gioco espresso è stato di tutto rispetto, contando che non avevamo mai giocato insieme.

E' stata una bellissima giornata, ma non poteva essere altrimenti, perchè passare un intero pomeriggio a fare uno sport che più che passione e la mia vita, circondato da tanti amici e raccogliendo tante soddisfazioni, non poteva che essere soddisfacente.

Per concludere, un grazie a tutti i miei compagni e i miei migliori complimenti agli organizzatori del torneo.


giovedì 10 dicembre 2009

O Bej, O Bej


Domenica per la prima volta nella mia vita sono andato a vedere il mercatino di natale di Milano, meglio conosciuto come: "O BEJ, O BEJ"

Siamo partiti nel primo pomeriggio, perché la mia dolce metà voleva vedere Milano di sera; arrivati a Milano abbiamo preso la metro fino in Duomo. Dopo un pranzo veloce al Mc, mi sono sorbito il solito rituale dei negozi :-( .

Verso le 4 abbiamo cominciato la lunga camminate dentro gli O BEJ, O BEJ, che andavano dal Duomo, fino al Castello Sforzesco e tutto intorno. E' un mercatino veramente immenso (in 4 ore non lo abbiamo visto tutto), con cose molto belle, simpatiche e a poco prezzo, il che non guasta mai.... tanto è vero che sono riuscito a fare il brillante con la mia ragazza spendendo pochissimi soldi :-D....

Verso le 9.30, un po' stanchi abbiamo ripreso la metro per tornare alla macchina ed avviarci verso casa.

E' stata una bellissima giornata con il mio amore, circondato da tantissime persone e nel bel mezzo del clima natalizio, evidenziato dall'illuminazione a tema, spettacolare quella del Castello Sforzesco e della Galleria; l'unica pecca è stato l'albero di natale in Duomo, veramente bruttino.....

Consiglio agli appassionati di mercatini di farci un salto   



giovedì 3 dicembre 2009

F.E.A.R.

Ieri ho finito di giocare ad una dei miglior Horror Survivor degli ultimi tempi.... F.E.A.R. Progetto Origini....

Ho avuto la fortuna di giocare con tutti e due i capitoli della storia, e gli ho trovati eccezionali, sia uno che l'altro. Vero, Resident Evil rimane il re di questo tipi di gioco, ma  F.E.A.R. gli si avvicina moltissimo; la storia è abbastanza banale, gli enigmi sono di bassissimo rilievo, ma gli effetti horror sono da URLO, nel vero senso della parola, in confronto il più famoso gioco degli zombi sembra Super Mario. Un gioco veramente eccezionale, con i limiti logici di uno sparatutto, ma per gli amanti degli horror è una vera chicca.

Devo essere sincero che mi sono trovato ad urlare spaventato (lo so, sono un fifone amante dell'horror) in parecchi punti del gioco, veramente da pelle d'oca. Lo consiglio vivamente a tutti gli amanti del genere.


martedì 1 dicembre 2009

Il processo autovelox

Visto quello che sta succedendo, mi sembra inevitabile parlare della proposta di legge sul c.d. "processo breve", o come molti lo definiscono "processo morto" o "ennesima legge salva premier".

Questa volta però non voglio dilungarmi troppo, risultando prolisso, in una parabola un po' complicata sulla lungaggine della giustizia italiana; preferisco lasciare la parola a GIANCARLO CASELLI


Vorrei inoltre rendere presente a tutti che in media i processi Italiani durano 7 anni....quindi se si prescrivono dopo 6 cosa succede?

Molti di voi potranno dire che i processi in italia durano troppo... assolutamente vero... che 6 anni per fare i tre gradi di giudizio sono più che sufficienti... vero anche questo... ma forse prima di dare una scadenza ai processi sarebbe meglio dare ai giudici gli strumenti per poter portare in porto i processi entro il termine.

Siamo tutti concordi nell'affermare che il sistema giudiziario italiano è al collasso, e che è necessario un intervento di riforma, ma, permettetemi la similitudine, per fare una casa si comincia dalle fondamenta non dal tetto....

Vero è che se chi fa le leggi sono quelli che dovrebbero finire in carcere, difficilmente faranno in modo che la giustizia italiana funzioni.

lunedì 30 novembre 2009

Video Clip (Senza Logica)


Qualche settimana fa, per la prima volta nella mia vita, mi è capitato di partecipare alla creazione di un video clip; "come???" direte voi, beh lasciatemi spiegare.

Il mio amore, oltre ad essere bellissimo, divertente, sexy, ecc... (sono un vero lecchino...:-D), si diletta anche nel canto; e dopo aver partecipato ad un concorso canoro, ha avuto la possibilità di incidere una sua canzone e di registrare un video clip per partecipare ad un programma televisivo.


Così, dopo aver scritto il testo e creata la melodia, si è rivolta ad un arrangiatore per completare l'opera. Devo dire, a mio modesto parere, che la canzone mi piace molto: ha un ritmo coinvolgente ed orecchiabile ed in più non è la solita canzoncina all'italiana.


Ultimata la canzone, si è passati alla registrazione del video; ancora una volta devo fare i complimenti al mio amore che ha avuto l'idea della location, dei costumi, dei balletti e delle scene da riprendere. Ovviamente nessuna delle persone che ha partecipato al video era un professionista; ed ovviamente tra i partecipanti c'ero anche io.


Inizialmente immaginavo una cosa molto alla buona, mentre, all'arrivo del furgoncino, mi sono subito dovuto ricredere; infatti è stato allestito un vero e proprio set: con luci, filtri, telecamera ad alta definizione, binari e carrello, ecc...

E' stata una bellissima esperienza, sia come comparsa, sia vedere il "dietro le quinte". Veramente bello ed interessante vedere tutto il lavoro che c'è dietro la videocamera (30 minuti di girato per ottenere 3.30 minuti di video).


Colgo l'occasione per ringraziare tutti i miei compagni di avventura e per fare i complimenti a tutti, ma sopratutto i complimenti vanno fatti alla "Star" che si è dimostrata a proprio agio davanti alla telecamera e che ha permesso tutto questo.

Lo so che ora sarete tutti curiosi, che vorreste vedere il risultato finale, ma, per ora, dovete accontentarvi di queste immagini in assoluta anteprima, ma vi prometto che a breve posterò il video...



E chi lo sa.... magari sarete testimoni, insieme a me, della nascita di una stella...





Ps: Ovviamente non sono mancati i momenti per fare i coglioni :-D





martedì 24 novembre 2009

Aiuto... l'uomo nero!!!!

Ieri sera mentre riportavo a casa il mio amore, ho visto un automobile ferma in mezzo alla strada con le quattro frecce accese. Ovviamente ho rallentato e dall'auto è uscito un ragazzo extracomunitario con un telefonino in mano.

La mia ragazza un po' impaurita mi ha chiesto di non fermarmi, ma io, in quei pochi secondi, mi sono immedesimato in quel ragazzo in difficoltà ed ho deciso di fermarmi. Appena abbassato il finestrino il ragazzo mi ha chiesto di parlare con la persona all'altro capo del telefono, per spiegarle dove ci trovavamo, perché nella sua auto c'era una ragazza che stava male. All'altro capo del telefono c'era il centralino del 118 che mi ha chiesto di indicare al ragazzo dove era la sede del 118 a Chatillon. Mentre glielo stavo indicando, un altra auto che veniva in senso contrario si è offerta di accompagnarli; così ringraziandomi il ragazzo è tornato in auto. Io ho ripreso la mia strada ed al mio ritorno ho visto l'ambulanza partire con dietro l'automobile del ragazzo.

Questa piccola avventura mi ha fatto pensare...."Quanti si sarebbero fermati?"

Pensando a quanti si fanno abbindolare dalle fesserie della televisione, a quanti si fanno terrorizzare dalle notizie che continuano a propinarci, la risposta è facile....praticamente nessuno....viviamo ormai in una società completamente terrorizzata da tutti e da tutto, siamo in una società che pensa all'individualismo, che non si preoccupa degli altri, anzi ne è terrorizzata, sopratutto se sono "diversi".

Di chi è la colpa di tutto questo???

Semplice... dei giornali, delle televisioni... in sostanza la mala informazione. Sono anni che ci terrorizzano con omicidi, rapine, furti. E come se non bastasse, negli ultimi anni questi reati sono stati attribuiti tutti ad extracomunitari, qualche volta persino maliziosamente. Mi spiace deludervi, ma come già detto in altre occasioni, i c.d. reati di strada sono in diminuzione e la maggior parte è commessa da italiani. Pensateci bene, per un negozio rapinato a quanti non succede nulla??? per una donna derubata, quante tornano a casa tranquillamente??? E' semplicemente statistica.

Quello che sta accadendo in Italia si chiama "politica del terrore"... si terrorizzano i cittadini per poter diminuire i loro diritti, per far approvare leggi canaglia senza che nessuno se ne preoccupi e per impedire che le persone si aggreghino per "ribellarsi".

Forse sarebbe il caso di fidarsi un po' di più del prossimo e pensare che quella persona in difficoltà potreste essere voi.

Pensateci... una civiltà moderna si fonda sulla solidarietà.

Ps: sarebbe interessante sapere se voi vi sareste fermati....fatemi sapere.

giovedì 19 novembre 2009

La Custode di mia sorella

Qualche giorno fa sono finalmente riuscito a vedere: "La custode di mia sorella", un film che stavo cercando da qualche mese.

Il film parla di Kate Fitzgerald un'adolescente innamorata della vita e colpita a pochi anni da una forma aggressiva di leucemia. La sua famiglia, partecipe e protettiva, combatte da sempre la sua battaglia. Sara, la madre, ha abbandonato lavoro e carriera per garantirle cure e sostegno, Brian, il padre, veglia sulla famiglia e cerca come può di contenere il dolore della figlia e l'ostinata determinazione della moglie davanti alla malattia, Jesse, figlio maggiore, è un ragazzo introverso e suo malgrado defilato, Anna, figlia minore, ha undici anni ed è stata concepita in provetta per "riparare" la patologia progressiva della sorella maggiore. Provata emotivamente e sfinita dal disinteresse della madre, sempre troppo concentrata su Kate, Anna denuncia i genitori e chiede l'emancipazione medica e i diritti sul proprio corpo. Il processo li dividerà fino a riunirli.

Il film è molto bello, e consiglio a tutti di guardarlo. La storia è toccante e molto commuovente.

In più questo film pone un quesito molto importante: "fino a che punto la scienza può travalicare la dignità umana?". Ritengo sia una domanda a cui difficilmente sarei in grado di rispondere.

Non saprei dire fino a che punto la scienza si possa spingere per salvare una vita, magari a discapito di un altra, o fino a che punto possa essere esteso il concetto di vita. Quel che è certo è che l'argomento è molto interessante e va approfondito...

Vero, forse creare un figlio in provetta come ricambio per un figlio malato è un po' troppo...ma se i "pezzi di ricambio" potessero essere creati in laboratorio???? o se si potesse evitare la nascita di figli con malattie genetiche???? fino a che punto la scienza si deve spingere????

Ai posteri l'ardua sentenza

martedì 17 novembre 2009

Full Metal Jacket


Dopo averne sentito parlare molto, ho deciso di guardare Full Metal Jacket

Il film, che ha come sfondo la Guerra del Vietnam, è diviso in due parti nettamente distinte: la prima ha come tema l'addestramento militare, mentre la seconda mostra i soldati in guerra.

Nel campo di addestramento dei Marines di Parris Island, nella Carolina del Sud, diciassette giovani civili vengono addestrati duramente alla guerra. Il severissimo sergente istruttore Hartman (R. Lee Ermey) tratta le reclute come animali avendo come solo obiettivo quello di trasformarli in perfetti strumenti di morte. A ognuno di essi Hartman conferisce un soprannome, talvolta ignobile e obbliga i soldati ad amare visceralmente il proprio fucile. Durante l'ultima notte al campo di addestramento, Palla di Lardo, un ragazzo tardo ad imparare le nozioni e la disciplina militare che a causa delle continue punizioni perde la ragione, spara una cartuccia blindata (Full Metal Jacket) al petto del sergente, uccidendolo all'istante, per poi suicidarsi con una fucilata in bocca.

La seconda parte si apre con Joker, una delle reclute, di stanza nel Vietnam mentre lavora per Stars and Stripes, un giornale militare statunitense. Stanco della monotonia delle retrovie e del peso della censura delle notizie, si fa spedire al fronte. Qui si unirà alla squadra dei "Porci Arrapati" comandata dal tenente "Mister Touch Down" dove troverà "Eightball", un afroamericano dal grande cuore, "Animal", uno spietato ma coraggioso guerriero, e soprattutto il soldato "Cowboy", suo amico dai tempi del corso di addestramento, che vedrà colpito a morte assieme a Eightball e Doc Jay da un cecchino nemico appostato in un palazzo semidistrutto. Joker e la sua squadra riusciranno a vendicare i compagni ferendo a morte il terribile cecchino che a sorpresa si rivela una giovanissima ragazza vietnamita. È Joker a dare il colpo di grazia alla ragazza col solo desiderio di non farla soffrire.

Nella scena finale i marines camminano per le buie vie di Hué city cantando la canzone di Topolino.

Devo essere sincero nel dire che il film mi ha lasciato molto sorpreso. Non posso dire che mi abbia esaltato ma neanche che non mi sia piaciuto. Eccezionale l'analisi che Kubrick fa della guerra. Il regista rappresenta la guerra come un evento che genera solamente assuefazione alla morte e disumanizzazione totale negli individui suoi protagonisti; ma analizza questo tema attraverso una trama molto slegata e discontinua.

La prima parte è molto divertente, per il linguaggio scurrile e per le aggressioni verbali del sergente istruttore, che catapultano le reclute in una situazione tragicomica con un crescere di emozioni che guidano lo spettatore fino all'apice del dramma con cui si chiude la prima parte.

Nella seconda parte, per contro, ci ritroviamo in un contesto totalmente nuovo e slegato da quello precedente...è come se lo spettatore si trovasse di fronte ad un nuovo film.

Sicuramente è un film toccante che mi ha colpito, ma non sono riuscito ad apprezzarlo in tutta la sua complessità

Ps: R. Lee Ermey è stato un vero sergente dei Marines. Inizialmente aveva il ruolo di dirigere l'attore che avrebbe dovuto strigliare i soldati, ma Kubrick lo scritturò dopo aver visto una videocassettain cui urlava insulti ed oscenità a dei soldati per quindici minuti di fila. Venne scelto anche per il suo caratteraccio: Ermey si lamentò che gli attori-soldati erano troppo rammolliti, e quando Kubrick non lo ascoltò urlò: "Alzati in piedi quando ti parlo!", e il regista immediatamente obbedì. Quell'episodio siglò la parte di Ermey nel ruolo di Hartman.

martedì 10 novembre 2009

Povero Cristo in mano a Berlusconi

"I giornali del giorno 5 novembre 2009, riportano la foto di Berlusconi che tiene in mano un Crocifisso, abbastanza grande. Le cronache dicono che glielo abbia dato il prete di Fossa, nell’ambito della consegna delle case. Se c’è una immagine blasfema è appunto questa: colui che ha varato una legge incivile contro i "cristi immigrati", che parla di "difesa dei valori cristiani". Un prete che consegna il crocifisso a Berlusconi è uno spergiuro come e peggio di lui. Povero Cristo! Difeso da una massa di ladroni che non solo lo beffeggiano, ma lo crocifiggono di nuovo con la benedizione del Vaticano, che per bocca del suo esimio segretario di Stato, ringrazia il governo per il ricorso che presenterà alla Corte di appello di Strasburgo.

Possiamo dire che c’è una nuova "Compagnia di Gesù" fatta di corrotti, di corruttori, di ladri, di evasori, di mafiosi, di alti prelati còrrei di blasfemìa e di indecenza, di atei opportunisti, di cultori di valori e radic(ch)i(o) cristiani … chi prepara la croce, chi la fune, chi i chiodi, chi le spine, chi l’aceto … e i sommi sacerdoti a fare spettacolo ad applaudire. Intanto sul "povero Cristo" di nome Stefano Cucchi, morto per mancanza di "nutrizione e idratazione", da nessuno è venuta una parola di condanna verso i colpevoli di omicidio, nemmeno dai monsignori che hanno gridato "assassino" al papà di Eluana Englaro.

Povero Cristo, difeso dai preti come suppellettile e raccoglitore di polvere nei luoghi pubblici e da tutti dimenticato come Uomo-Dio che accoglie tutti e dichiara che sono beati i poveri, i miti, coloro che piangono, i costruttori di pace, i perseguitati, gli affamati! Povero Cristo, difeso dagli adoratori del dio Po e di Odino che ne fanno un segno di civiltà, mentre lasciano morire di fame e di freddo poveri sventurati in cerca di uno scampolo di vita.

Povero Cristo, difeso dalla “ministra” Gelmini che trasforma il Crocifisso in un pezzo di tradizione “de noantri”, esattamente come la pizza, il pecorino, i tortellini. Povero Cristo, difeso da Bertone che lo mette sullo stesso piano delle zucche traforate.

Povero Cristo! Gli tocca ringraziare la Corte di Strasburgo, l’unica che si sia alzata in piedi per difenderlo dagli insulti di chi fa finta di onorarlo. Signore, pietà!

Guardando a quel Cristo che è il senso della mia vita di uomo e di prete, ho la netta sensazione che dalla sua comoda posizione di inchiodato alla croce, dica: "Beati voi, difensori d’ufficio... beati voi che ho i piedi inchiodati, perché se fossi libero, un calcio ben assestato non ve lo leverebbe nessuno".

di Paolo Farinella, prete

giovedì 5 novembre 2009

L'Italia è uno Stato laico, che vi piaccia oppure no


Ormai è notizia ufficiale....i comunisti sono ovunque, tranne che nel parlamento italiano; ebbene si ora anche i giudici della Corte sui diritti dell'uomo sono dei mangia preti. Lo so, la mia è un facile ironia, ma ritengo che forse sia il caso di stemperare i toni.

Prima di affrontare l'argomento, forse è il caso di mettere ben in chiaro che si sta parlando di una questione di principio, molto ipotetica e poco pratica. Come se non bastasse la polemica è abbastanza futile perché in moltissime scuole/classi i crocifissi non ci sono, e questo non da fastidio a nessuno.

Tutto questo polverone nasce dal ricorso di Soine Lautsi, nata in Finlandia, ma da tempo cittadina italiana contra la presenza del crocifisso nella scuola frequentata dai figli; Lautsi spiega così la sua scelta
"Non voglio irritare nessuno ma il crocifisso si porta dietro tante cose negative, a cominciare dalla discriminazione delle donne e degli omosessuali" (Come darle torto)
Tutti i giudici italiani gli anno risposto picche, quindi ha pensato di rivolgersi alla corte di Strasburgo, la quale ha accolto il ricorso della donna...
"Non siamo in grado di comprendere come l'esposizione delle scuole statali di un simbolo di una data confessione possa servire al pluralismo educativo"
Ed ancora...
"Il crocifisso non può rimanere nelle scuole perché l'esposizione obbligatoria di simboli religiosi viola la libertà dei genitori di educare i propri figli secondo le proprie convinzioni e potrebbe essere fastidiosa per ragazzi che praticano altre religioni o sono atei"


Detto questo, vorrei fare con tutti una piccola riflessione, partendo dall'art 7 della nostra Costituzione. Il primo comma riconosce l'indipendenza reciproca dello stato e della chiesa: nessuno dei due può interferire nell'ordinamento dell'altro. Sono due ordinamenti separati indipendenti e sovrani, con proprie norme che possono anche essere divergenti: la valutazione di uno stesso comportamento umano da parte dei due sistemi non necessariamente coincide. In poche parole viene sancita la laicità dello Stato, laicità ribadita dalla Corte Costituzionale che l'ha inclusa fra i principi supremi dell'ordinamento costituzionale italiano ( ricavandolo oltre che dall'art 7, anche dagli art 2, 3, 8, 19 e 20).

A questo vorrei aggiungere che la presenza del crocifisso nella aule non è prevista da alcuna legge dello stato, ma solo contenuta all'interno di 2 regi decreti di epoca fascista (n. 965 del 30 aprile 1924 e il n. 1297 del 26 aprile 1928), che tra l'altro, la Consulta ha ritenuto dispositivi amministrativi senza forza di legge e che forniscono solo indicazione per gli arredi delle scuole, peraltro in parte non attuali e superati (sempre loro....quei maledetti comunisti della Consulta). Come se non bastasse anche una circolare ministeriale, precisa che non è obbligatorio il crocifisso nelle aule.

Personalmente ritengo che la fede e le convinzioni religiose appartengono alla sfera personale e non vanno coltivate a scuola, luogo in cui si dovrebbe fare altro. La religione è una questione che pertiene alla coscienza privata, la scuola non deve entrare in questa sfera; mentre i singoli devono ritenersi liberi di esprimere la propria identità culturale e religiosa anche attraverso l'utilizzazione dei segni di appartenenza resta esclusa che i simboli di una confessione religiosa possano essere autoritariamente esposti nella sfera pubblica istituzionale.

Ritengo che sia più che giusto che un genitore non voglia che a suo figlio venga mostrato un simbolo che rappresenta valori molto discutibili come: l'omosessualità è una malattia, la donna è inferiore, non si devono usare i preservativi, ecc... E non venite a dire che fa parte della nostra tradizione, perché fa parte della nostra tradizione anche la Mafia...

Molti sostengono che la croce richiami l'identità nazionale, la difesa dell'italianità, anche se le reali motivazioni sono altre, per molti è un simbolo dietro il quale nascondersi per paura dell'immigrazione e dell'islam.



In paesi europei come la Francia e la Germania i crocifissi in classe non ci sono, questo vuol dire che hanno perso la loro identità cristiana??? E' indubitabile che la predicazione della croce può raggiungere il mondo intero ed ha qualcosa da dire a tutti, ma dire che tutti sono obbligati a credervi e sottostarvi sarebbe sbagliato, sopratutto perché la croce è un simbolo ambiguo sotto il quale si sono uccise molte persone.

C'è chi dirà che i musulmani a casa loro non ci farebbero togliere un bel niente...partendo col presupposto che loro non centrano nulla; i loro non sono stati laici, anzi le leggi degli stati mussulmani si basano sul Corano...quindi l'esempio non regge...Peggio ancora se cominciate a parlare di burca o ramadam, infatti la Corte non ha vietato a nessuno di indossare simboli di appartenenza ad una confessione religiosa, come il burca, ha semplicemente detto che questi simboli non possono essere imposti, venendo affissi in luoghi appartenenti alla sfera pubblica.

Sono d'accordo con chi si indigna, perché questa questione sta facendo troppo "rumore" e che i problemi sono altri... ma ricordatevi cari lettori che in Italia le altre confessioni religiose sono piccole minoranze che non portano voti...

E' triste sentire tutta questa indignazione per un simbolo e non sentirla per una ragazzo morto in prigione in circostanza alquanto "dubbie"

Ma cosa volete, io sono il solito comunista mangia preti

venerdì 23 ottobre 2009

Videocracy

Dopo averne sentito tanto parlare sono andato a vedere Videocracy il documentario di Erik Gandini sulla televisione italiano.

Devo essere sincero, sono rimasto molto deluso; mi aspettavo un documentario d'inchiesta in pieno stile Michael Moore, ma mi sono trovato di fronte ad una storiellina sulla nascita della Tv  trash italiana.

Lo ritengo un  documentario adatto a spiegare che cos'è la televisione italiana ad uno straniero, mentre risulta un po' noioso per un italiano; infatti mi sono trovato di fronte a storie trite e ritrite, (Vellettopoli, Lele Mora, Corona, i Reality, ecc...) situazioni e aneddoti grotteschi che fanno, da sempre, parte del panorama televisivo in cui sono crescituo.

Come se non bastasse ho trovato un pò forzati e fuori contesto gli attacchi che il documentarista sferra allo Psiconano... si limita ad evidenziare il teorema televisione, potere, politica, senza fare alcun riferimento alle vere infamie che hanno accompagnato le televisioni del Cavaliere: come la legge salva Fininvest di Craxi, lo scandalo delle veline in politica, l'abusivismo di rete 4, ecc... In questo documentario ci si limita a descrivere alcune delle bizarie di Al Tappone che poche e nulla hanno a che fare col mondo televisivo. Lo sapete tutti che sono il primo a voler attaccare il criminale sulle zeppe, ma qualsiasi critica o attacco deve essere sensata, motivata  e giustificata...

Ritengo quindi sia un film molto pretestuoso  che ha come ulteriore limite quello di rappresentare l'italiano come un "sempliciotto" di paese che vuole assolutamente andare in televisione per apparire; è come se ci descrivesse come una cloaca di persone vuote e superficiali che pensano solo ad apparire.

Mi rifiuto di pensare che la realtà sia veramente questa...

mercoledì 21 ottobre 2009

Tutti abbiamo uno scheletro nell'armadio

Dopo le parole ecco i fatti....

Dopo i linciaggi politici, le illazioni, le insinuazioni e le minacce siamo passati ai fatti. Non c'è un modo delicato per dirlo... il presidente del consiglio ha strumentalizzato le sue televisioni per bersagliare e delegittimare il giudice Mesiano reo di averlo condannato al risarcimento danni per il lodo Mondadori... lascio parlare le immagini...

Qualcuno mi dica che senso aveva questo servizio???
Qualcuno mi dica perché le istituzioni che tanto facilmente si indignano non stanno facendo nulla??? Come mai il Presidente della Repubblica non interviene??? Quali sarebbero le stravaganze del giudice "a cui tutti noi siamo abituati"??? solo perché lui non va a puttane, non frequenta spacciatori e non si fa corrompere sarebbe strano???

E' preoccupante questo metodo intimidatorio che viene messo in atto: "tu tocca Silvio Berlusconi e noi ti pediniamo, rovistiamo nel tuo passato alla ricerca di un errore... e se non lo troviamo lo inventiamo rovinandoti pubblicante"... ormai non c'è più nessun ritegno... che vergogna.... siamo alle pratiche terroristiche/mafiose, il prossimo passa saranno le sparizioni????

Tutto questo accade per il semplice fatto che un giudice ha fatto il suo lavoro... ha semplicemente quantificato un danno civile... esatto... non ha dovuto indagare; è stata la Corta di Cassazione in sede penale che ha appurato l'esistenza  del danno nella sentenza definitiva ed ha rimesso la sua quantificazione al giudice civile.

C'è chi a sostenuto che Mesiano non poteva scrivere la sentenza da solo e che il risarcimento immediatamente esecutivo sia un infamia... beh, mi spiace deludervi ma e la legge che stabilisce queste regole. Il giudice civile in primo grado è monocratico, per questo motivo Mesiano ha fatto tutto da solo. La sentenza civile in primo grado è immediatamente esecutiva, lo stabilisce la legge non il giudice Mesiano.

Forse direte che il risarcimento è troppo alto!!! mi spiace smentirvi anche questa volta... il danno è costituito dal danno emergente, cioè la perdita subite dal gruppo di De Benedetti per il mancato acquisto della Mondadori; e dal lucro cessante, cioè tutti gli utili che la CIR non ha ottenuto dalla Mondadori dal giorno del suo mancato acquisto fino ad oggi e per il futuro.

E' ora di smetterla con questa assurda concezione... basta pensare che la politica influisca e corrompa tutto... è inimmaginabile che un giudice di sinistra condanni un innocente di destra e assolva un colpevole di sinistra; questo assurdo teorema non ha senso. Un giudice può avere le idee politiche che vuole ma giudicherà secondo giustizia; come qualsiasi libero professionista rispetterà le proprie regole a prescindere dalla fede politica.

Basta con queste assurdità e ricordatevi che tutti siamo Raimondo Mesiano




sabato 10 ottobre 2009

The Day After Tomorrow



Sigh...scusate miei cari lettori, ma sono sinceramente commosso...Sigh

Non è possibile ce l'hanno tutti con lui...Sigh...è un uomo tanto solo, troppo solo...e quando trova della compagnia lo accusano di essere un puttaniere...Sigh... solo perché paga queste ragazze...Sigh...poverino cosa volete che faccia...Sigh...non può mica farle tutte ministre...

Anche i giudici ce l'hanno con lui...Sigh...l'hanno condannato a pagare 750 milioni di euro solo perché ha corrotto un piccolissimo giudice per poter acquisire una piccolissima azienda...Sigh...cosa volete che sia...Sigh...è vero lui ha messo in ginocchio un'azienda rivale, ma ora non è giusto che si metta in ginocchio la sua...

Sigh...sempre e solo con lui se la prendono...Sigh...tutti possono criticare il Presidente della Repubblica ma lui no...Sigh...solo perchè ha detto: "sappiamo tutti da che parte sta"...Sigh...dai lo sappiamo benissimo tutti che sotto quella camicia elegante ha la maglietta di Che Guevara...Sigh...non lo avete visto con il passamontagna lanciare pietre alla polizia durante il G8....Sigh...

E i giudici...Sigh...tutti con lui se la prendono...Sigh...povero Silvio...Sigh...solo per qualche piccolo reato...Sigh...cose da nulla...Sigh... corruzione, collusione mafiosa, evasione, falso in bilancio, concussione, appropriazione indebita...Sigh...se la prendessero con quegli sporchi extracomunitari che rubano per mangiare...Sigh...quelli sono criminali...

Sigh...neanche le leggi gli lasciano fare...Sigh...appena ne fa una ecco quei 15 rivoluzionari che gli dicono che non va bene...Sigh...era una leggina da nulla...Sigh...una cosina piccola piccola...Sigh...ma d'altronde quei 15 bolscevichi hanno le toghe di colore rosso

Sigh...Non può neanche chiamare le sue televisioni, che tutti lo accusano...Sigh...cavolo 3 le ha comprate e 3 le ha vinte con le elezioni, sarà libero di fare quello che vuole con le sue cose???...Sigh...tutti a prendersela perchè non vuole sentire Santoro sulle sue tv...Sigh...mi sembra normale...Sigh... anche io nella mia auto se non voglio sentire un cd lo tolgo...Sigh

E la Bindi...Sigh... perché se la prende...Sigh...le ha fatto un complimento...Sigh...se no la Carfagna, la Prestigiacoma e la Brambilla, mica sarebbero ministri...Sigh...e poi su...Sigh...è stato anche gentile...Sigh...diciamola tutta...Sigh...la Bindi non è così bella...

Sigh...anche quel traditore di Fini ci si mette...Sigh...facile per lui rinunciare al lodo...Sigh...aveva solo un processo per diffamazione...Sigh...

Ora ci si mettono anche con le stragi...Sigh...lui non centra niente con la mafia...Sigh...non è colpa sua se l'unico stalliere che ha trovato in tutta italia era mafioso...Sigh...fino a Palermo è dovuto andare per trovarlo...Sigh...perchè già allora tutti ce l'avevano con lui...

Sigh...pover uomo...è talmente solo che i complimenti se li deve fare da soli...Sigh...vorrei vedere voi al suo posto...Sigh...e se poi ci si mette anche il Milan...Sigh...è normale che straparli...Sigh...

"2500 milioni spesi per pagare i giudici"....."sono sempre stato assolto"....."A me come mafioso non mi hanno ancora arrestato"

Su mio caro Silvio...se tutto va bene fra 2 anni avrai tanti nuovi amici in quel piccolo appartamento riservato appositamente per te a San Vittore...



venerdì 9 ottobre 2009

Cavaliere senza scudo

La Consulta si è espressa ed il lodo Alfano è stato dichiarato incostituzionale. C'è chi afferma che non ci poteva essere altra conclusione... a queste persone dico attenti, e c'e chi afferma che il Presidente della Repubblica avrebbe dovuto far pressioni sulla consulta...e a questi dico vergogna.

Il lodo è stato dichiarato incostituzionale per violazione dell'art 3 e 138 della Cost. Non sono un giurista di fama mondiale, ma ritengo di poter fare con voi una breve analisi.

In questi giorni tutti hanno usato ed abusato del principio di uguaglianza sancito dall'art 3 della nostra Costituzione. Vorrei rendere chiaro e palese a tutti che i padri costituenti hanno inteso il principio di uguaglianza con questa accezione: "vanno trattate in modo uguale le situazioni ragionevolmente uguali ed in modo differente quelle ragionevolmente differenti". Quindi, vi chiederete: "perché è stato dichiarato incostituzionale??? il presidente del consiglio è diverso dai cittadini!!!"....vero, ma non è diverso dai ministri; i deputati non sono ragionevolmente diversi dal presidente della camera, i senatori non sono ragionevolmente diversi dal presidente del senato. Ecco dove si annida la violazione del principio di uguaglianza.

Per quanto riguarda la violazione dell'articolo 138, sono in molti a sostenere che non sussistesse, in quanto la sospensione nel processo penale esiste nel nostro ordinamento. Vero, quest'istituto sussiste nel codice, ma ritengo che la Consulta, visto la pesantezza del Lodo, il suo posizionarsi in una zona di confine legislativo, e diciamo pure, vista la sua atipicità (prevedere l'immunità per un solo mandato è assurdo, perché questa fantomatica necessità di esercitare le funzioni politiche senza interferenze della magistratura sovversiva dovrebbe sussistere non solo nel primo mandato), abbia ritenuto dovesse essere sostenuta da un ampio consenso, che una legge costituzionale deve avere.  Ritengo comunque, l'enunciazione di questa violazione, non un giudizio giuridico, ma un giudizio morale e sociale.

Ritengo infine, a mio modesto parere, che il lodo Alfano contrastasse anche col principio della ragionevole durata del processo. Vero che in Italia sono pochi i processi che rispettino questo principio, ma questo non è un buon motivo per far finta che non esista.

Chioserei il discorso stemperando gli animi... il lodo Alfano è servito al suo scopo, infatti nel processo Mills la prescrizione corre veloce (2 anni) sopratutto perché  dovrà ripartire dall'inizio; non ci libereremo così facilmente del nano corruttore; ci saranno ancora giorni difficili, quando prevarrà la rassegnazione e verrà voglia di dire è tutto inutile . Ma oggi è un bel giorno


Flash ANSA: "Visti Lenin e Stalin bisbigliare alle orecchie dei giudici della Consulta"

giovedì 8 ottobre 2009

C'est l'amour

Ieri sera per festeggiare i nostri primi 9 mesi, il mio amore mi ha fatto l'immenso regalo di preparare per me una cenetta romantica.

Siccome ogni tanto è bello pensare di vivere in un film, abbiamo pensato di vestirci bene, in modo da fare quelle cene romantiche casalinghe che si vedono sempre nei film :-D

Per le 19.30 mi sono presentato a casa sua con una bottiglia di vino ed una rosa e lei mi ha aperto la porta elegantissima e molto sexy. Appena entrato in cucina ho visto la tavola preparata con molta cura: candele, musica, ecc...TUTTO PERFETTO

Per non parlare delle cose deliziose  che il mio amore ha preparato:


Menù Romantico

Dolcemente si comincia
Bruschette della casa dolce casa
Grigliata di verdure

Delicatamente si continua
Penne zucchine panna e pancetta
Corpaccio con funghi e scaglie di grana

Dulcis in Fundo
Zuccotto


Finita la splendida cena, accompagnata da buon vino, ci siamo dedicati ad altre pratiche sfiziose ma un pò più trasgressive ;-)

Grazie amore per la splendida serata, sei una bravissima cuoca ed una meravigliosa amante; nonché l'altra metà della mela :-*

TI AMO

mercoledì 7 ottobre 2009

9 mesi con te

Oggi sono 9 mesi che sono fidanzato con la mia stupenda metà; per lei è un record, perché non era mai stata così a lungo con un ragazzo...sono estremamente felice di essere io quel primo ragazzo, perché, amore mio, mi hai cambiato la vita sin dal primo momento, mi sei entrata dentro e mi hai fatto scoprire cos'è la passione, cos'è il desiderio e qual'è il vero significato dell'amore. Sei riuscita a completare la mia vita. Ti assicuro che non sarà l'unico record che supereremo insieme...



Grazie amore di aver reso la mia vita unica




Il Biotestamento

Quegli sporchi bolscevichi dei giudici ne hanno fatta un altra...non solo si permettono di indagare il nostro esimio e candido presidente, lui che è stato eletto dalla gente e che quindi non può essere giudicato dai giudici; non solo si permettono di esprimere pareri su leggi che riguardano la giustizia...che ne sanno i giudici di giustizia; non solo si permettono di voler interpretare le leggi...

Ora si permettono di bocciare delle leggi ancora prima che vengano emanata. Infatti il Tar del Lazio in una chiara lettera boccia la legge sul testamento biologico
"Idratazione ed alimentazione non possono essere imposte. A nessuno. Che una persona sia cosciente o incosciente, lucida o in stato vegetativo il suo diritto non cambia. Tutti devono vedere rispettate le proprie volontà di interrompere terapie giudicate inutili, comprese alimentazione e idratazione. Obbligarli sarebbe illegittimo, discriminatorio e in violazione dei principi sanciti dalla Costituzione"
Il giudizio del Tar ha origine nei giorni del caso Englaro, quando il ministro della salute Sacconi, nonostante la sentenza della magistratura sul diritto di Eluana a morire, inviò un atto indirizzato a tutte le Regioni per bloccare il destino della giovane in coma; il che ha provocato il ricorso promosso dal Movimento per a difesa dei cittadini.

Ma come osano...come si permettono... perché lo stato dovrebbe rispettare le volontà di un cittadino incosciente? altrimenti si potrebbe pensare che tutti i cittadini siano uguali; e sappiamo benissimo che non è così. Meno male che il governo sta preparando una leggina staccata dal testamento biologico per sancire in termini ancora più brevi come irrinunciabili, e quindi obbligatorie idratazione e nutrizione.

"Non dobbiamo pensare, non dobbiamo esprimerci, non possiamo scegliere"

Tutti sull'attenti soldatini azzurri


martedì 6 ottobre 2009

Lodo Mondadori

Oh popolo italiano, popolo apparentemente sovrano, che vive in una repubblica delle banane in regime di libertà vigilata...ormai sei lo zimbello di tutta europa, sei passato da essere poeta, santo e marinaio ed essere pizza, pasta e mandolino per naufragare in puttaniere, razzista e mafioso; ti sei fatto picchiare dal fascismo, derubare dalla prima repubblica ed ora ti fai picchiare, derubare e prendere per il culo; sei passato dall'analfabetismo al rincoglionimento televisivo...ma questo piccolo ragionamento lo puoi fare anche tu...

Gli avvocati del gruppo Fininvest sono stati condannati per aver corrotto il giudice che aveva il compito di stabilire se la Mondadori fosse stata rilevata dalla Fininvest o dal gruppo CIR (lodo Mondadori). Non è stato condannato il presidente della Fininvest perché è intervenuta la prescrizione...che ricordo non essere un sinonimo di assoluzione.

Già questa sentenza ti avrebbe dovuto far pensare...con che soldi gli avvocati hanno corrotto il giudice?chi ne avrebbe tratto vantaggio?

Sarà stato un insolazione dovuta al caldo sole mediterraneo a non farti ragionare o forse è stata la nebbia padana a non farti vedere...chi lo sa. Ma ora...non ci sono scuse, non ci sono lodi al Nano che tengano, non c'è censura che ti possa bloccare. La Fininvest è stata civilmente condannata a risarcire i danni causati alla CIR per il mancato acquisto della Mondadori

Quindi, popolo italiano...se il rappresentante legale di una società  è il suo presidente, in questo caso Silvio Berlusconi...CHI E' STATO A CORROMPERE IL GIUDICE? CHI E' IL DELINQUENTE CHE DOVREBBE ESSERE IN PRIGIONE?

Mio caro popolo italiano, se anche questa volta ti perderai tra ponti sullo stretto, show di governo e gonne corte...beh mi spiace...sei destinato all'estinzione...e non lo dico io, lo dice Darwin...

lunedì 5 ottobre 2009

Ho voglia di Urlare

Ancora un ostacolo da abbattere a spallate, ancora un incidente sul percorso della mia vita...Oggi ho scoperto che il programma per il mio appello del 23 ottobre è stato cambiato: è stato sostituito un libro di 100 pagine con uno di 460 ed è stata aggiunta una parte che non è presente su nessun libro...citando un mio amico PERFETTO

Mi sembra giusto cambiare il programma di esame tra un appello ed un altro...ottima pratica didattica; sopratutto se l'esame in questione è del secondo semestre. Fatemi spiegare...se io cambio i programmi senza spiegarli a lezione, cosa serve fare le lezioni????


Il risultato è che dovrò far slittare tutto ancora una volta...dovrò provare l'esame a Novembre ed avrò un appello in meno per laurearmi...

Un applauso all'università italiana, che non ti prepara al lavoro; che ti fa entrare sul mercato del lavoro ormai vecchio; che fa in modo che il tuo pezzo di carta non serva a nulla, perchè devi essere sfruttato per altri 2 anni e che fa di tutto per trattenerti il più possibile in modo che tu possa pagare più tasse...

Avrei veramente voglia di mandare tutti a quel paese...non è possibile...mi stanno facendo passare la voglia...

Splendia giornata

Ieri sono stato per la prima volta in vita mia ad un matrimonio con la mia ragazza....

La giornata è iniziata alle 7.30...doccia, barba e splendido nel mio completo nero sono andato a prendere la mia dolce metà. Arrivati ai "Comptes de Challant" dopo un paio di prosecchi e due stuzzichini ci siamo avviati verso la chiesa.

Ovviamente non ho partecipato alla funzione, ho preferito dedicarmi ad altre attività con alcuni simpatici compagni di merende: Denis, Borto, Fabietto e Fortis.

Finita la messa è scattata l'ora dell'aperitivo aggressivo, a base di salmone, ostriche e cocktail a base Martini. Dopo esserci sfondati di stuzzichini ci siamo accomodati per il pranzo, sempre in ottima compagnia :-D. Ho mangiato benissimo e bevuto anche meglio; molto bello è stato l'intermezzo del pranzo con un filmato fatto con le foto dei due sposi, accompagnato da una simpatica lettera; peccato che ci fosse l'aleggiare di un ombra dal passato.

Finito il pranzo si è scatenata l'ignoranza più assoluto, il montenegro scorreva a fiumi mentre si scatenavano le danze. Dopo l'ennesimo montenegro ci siamo riseduti a tavola per una spaghettata....giusto per non farsi mancare nulla...e poi ancora montenegro.

Serata di altissimo livello...per la prima volta ho visto Fabietto in difficoltà...scappava dal padre della sposa :-D....diciamo che cadaveri ed allegria andavano di pari passo :-D

Verso le 2 di notte siamo andati a dormire, gentilmente ospitati in una camera dell'albergo

...OVVIAMENTE IL MIO RACCONTO NON ANDRA' OLTRE LA SOGLIA DELLA CAMERA...

Un ovvio grazie va al mio amore, ho passato una giornata stupenda, sono stato benissimo, mi ha fatto molto piacere conoscere meglio alcuni tuoi amici e condividere con te questo momento....

Dopo questo matrimonio consiglio a tutti di stare attenti ai matrimoni di Fenis :-D; perché lì gli scherzoni sono aggressivi: 2 bilici di segatura da riversare davanti alle case degli ex, una capra nel giardino, murata la porta di casa e per concludere una quantità esagerata di macigni sulla strada di casa....:-D  Hai visto Rasta....noi siamo stati degli angioletti in confronto

Per una volta non sono stato il solito Rompiscatole....ma d'altronde non si può sempre essere polemici ;-)

martedì 29 settembre 2009

Baaria

Ieri sera sono andato a vedere Baaria il film di Tornatore che è stato scelto per rappresentare l'Italia agli Oscar 2010. Devo ammettere che visto il trailer non sarei mai andato a vederlo non fosse stato per il mio amore. Lo credevo un film pesante e noioso; ma all'uscita dalla sala mi sono dovuto ricredere.

Il film è stato molto piacevole ed interessante: bella la fotografie, stupenda la colonna sonora (Ennio Morricone) ed ottima la trama che racconta un secolo di storia italiana, con le guerre mondiali e l'avvicendarsi, sulla scena politica, di Fascismo, Comunismo, Democrazia Cristiana e Socialismo; attraverso tre generazioni di una famiglia di Bagheria, cittadina in provincia di Palermo.

Malgrado i protagonisti principali, siano attori alle prime esperienze, sullo schermo si osservano comparsate di famosi attori italiani, come: Salvatore Ficarra, Valentino Picone, Raul Bova, Laura Chiatti, Monica Bellucci, Michele Placido, Vincenzo Salemme, Giorgio Faletti, Leo Gullotta, Vincenzo Salemme, Nino Frassica e Beppe Fiorello.